Social Network

Caso unico in Italia siamo costantemente (e orgogliosamente) sotto attacco dall’unione di stalkers, sostenitori della vivisezione e dalle lobby dell’inquinamento.

Questo attacco non si sviluppa mai sui contenuti scientifici di I-CARE NETWORK ma con la creazione di finti profili privati e finte informazioni personali riguardanti soprattutto il coordinatore del progetto, dr. Massimo Tettamanti.

Questo garantisce entrate economiche a seguito delle sentenze a nostro favore per tutti i casi di diffamazione (l’ultima, iniziata nel 2010, ha portato alla condanna di una nota associazione entrata in combutta con stalkers presentatisi con profili anonimi con pagamento danni di 7.500 euro più spese legali).

Altre cause sono in corso.

Chiunque conosca anche minimamente di persona il dr. Tettamanti conosce benissimo anche il suo forte concetto di privacy e sa che mai metterebbe pubblica la sua vita privata.

Va da sé che tutte le persone che scrivono o si vantano pubblicamente e/o privatamente (in questo periodo ce ne sono a iosa a livello addirittura di stalking) di informazioni personali del coordinatore non fanno parte della sua vita privata e stanno automaticamente mentendo.