Primati Zero

Il progetto Primati Zero ha come obiettivo la sostituzione di tutti gli esperimenti sui primati nei laboratori italiani.

Tale obiettivo si basa sul fatto che:

– In Italia non esistono le strutture di quarantena adatte per l’importazione di primati dall’estero.

– La nuova direttiva, decreto legislativo n° 26 del 4 marzo 2014, vieta espressamente l’allevamento di primati sul territorio nazionale.

Quindi i primati non possono più né essere allevati né essere importati.

Di conseguenza nel medio periodo il numero di primati usati in Italia scenderà a zero.

Questo progetto segue un analogo progetto che, in passato, ha portato a zero il numero di gatti usati in Italia.

Per quanto l’obiettivo sia quello di portare a zero il numero totale di animali usati nei laboratori, indipendentemente dalla specie animale di appartenenza, nel prossimo anno dovremo concentrarci su progetti di riconversione a metodi alternativi e sul recupero e la gestione dei primati.

Il progetto PRIMATI ZERO è coordinato da I-CARE NETWORK e si basa sulla collaborazione di centri specializzati (il cui nome verrà reso pubblico non appena possibile) e sul fondamentale aiuto di (in ordine alfabetico):

– Associazione Atra per i progetti di finanziamento;

– Associazione Freccia 45 per tutti gli aspetti giuridici, legali e burocratici;

– Gruppo No Harlan Group per l’organizzazione di eventi e la gestione degli animali;

– Progetto rIcerCARE, in collaborazione con l’Associazione I-CARE EUROPE Onlus, per la raccolta fondi per i corsi sui metodi alternativi e il finanziamento dei progetti di riconversione;

– Associazione TheAlternatives per la raccolta fondi per i metodi alternativi sostitutivi, la ricerca senza animali e human-baed, la tutela della biodiversità, per corsi di formazione, divulgazione scientifica e consulenza.

– Il neonato ufficio stampa Voice of Victims per la comunicazione (che verrà coordinata con gli istituti che effettueranno la riconversione).

Tutte associazioni e gruppi con cui esistevano già rapporti di collaborazione in vari progetti.

Ne approfitto per annunciare l’inizio di quella che sarà una lunga e proficua collaborazione con l’associazione Salviamo gli Orsi della Luna.

L’Associazione nasce con lo scopo di sostenere Animals Asia Foundation nella campagna di liberazione degli Orsi della Luna nel Sudest asiatico; rappresentata in qualità di Responsabile delle Relazioni Esterne dalla fondatrice di Animals Asia Italia Onlus, Carmen Aiello, si pone inoltre come obiettivo il benessere e la tutela di tutti gli animali, sul territorio nazionale italiano e nel mondo. Darà il suo contributo al progetto PRIMATI ZERO per le campagne di comunicazione, la ricerca di Sponsor, il supporto Veterinario e la logistica.

E altri che si aggiungeranno in corso d’opera…